08/12/2022
08/02/2011

Sud Sudan
nascita di una nazione

Il Sudan del sud è indipendente. Il referendum e la nascita di una nuova nazione dovrebbero mettere fine ad una guerra durata oltre mezzo secolo tra il Nord del Paese e il Sud

Il Sudan del sud è indipendente. "Oggi abbiamo ricevuto questi risultati e li accettiamo ... perché rappresentano la volontà del popolo del Sud", ha detto il presidente Omar al Bashir nel suo discorso trasmesso dalla  tv di Stato.

Sulla carta, in base agli accordi del 2005, il referendum e la nascita di una nuova nazione dovrebbero mettere fine ad una guerra durata oltre mezzo secolo tra il Nord del Paese, forte militarmente e a maggioranza musulmana, e il Sud più povero e meno strutturato, abitato da una popolazione di religione cristiana e animista. Un conflitto durato oltre 15 anni e che ha causato milioni di morti.

Formalmente la proclamazione del nuovo Stato è prevista per il prossimo 9 luglio e il Nord e il Sud hanno adesso meno di 6 mesi per trovare un accordo sulla linea di frontiera, sulla spartizione degli introiti petroliferi, sul futuro status della regione contestata dell'Abyei, dove si trovano i pozzi più ricchi e dove è stato rimandato 'sine die' un referendum locale che doveva stabilire a chi appartenesse l’area.

La situazione è esplosiva e lo sottolineano i 60 morti rimasti sul terreno negli scontri avvenuti nella regione da gennaio ad oggi. Ad essi si sono aggiunti, negli ultimi 4 giorni, altre 50 persone uccise negli scontri tra fazioni diverse dell'esercito.

Dagli Stati Uniti, Obama ha già fatto sapere che riconoscerà l'indipendenza del Sud. "Mi congratulo con il popolo del Sud Sudan", ha affermato Obama, aggiungendo di "essere lieto di annunciare l'intenzione degli Stati Uniti di riconoscere formalmente il Sud Sudan come uno stato sovrano e indipendente nel luglio 2011".