Gli Speciali di Radio 6

HARPER LEE IL BUIO OLTRE LA SIEPE

  • Andato in onda:15/02/2017
  • Visualizzazioni:

      In questo spazio intitolato "Gli Speciali di Radio 6", celebreremo grazie ad una programmazione dedicata, da cliccare passo dopo passo, alcune delle ricorrenze più significative per il nostro paese e per il mondo. 





      HARPER LEE
      IL BUIO OLTRE LA SIEPE 

      Speciale a cura di Elisabetta De Toma 




      Elisabetta De Toma con il professor Domenico Mazzullo parlano del romanzo di Harper Lee del 1960 e dell’omonimo film del ‘62 con Gregory Peck. Vengono letti passi del libro, riascoltate trasmissioni d’archivio che se ne sono occupate, offerti brani dallo straordinario film di Robert Mulligan, vincitore di tre premi Oscar. In onda sul canale web di Radio Rai, WR6, il 27 dicembre 2011 per il programma Credo che comincerò un altro libro…, per voi su Rai Radio 6 Teca ad un anno dalla morte della scrittrice statunitense 

         

      “Ha influenzato il carattere del nostro paese in meglio. E’ stato un dono per il mondo intero. Come modello di buona scrittura e sensibilità umana questo libro verrà letto e studiato per sempre”. Questa la motivazione della più alta onorificenza civile statunitense, la Medaglia presidenziale della libertà, conferita ad Harper Lee per Il buio oltre la siepe nel 2007.
      Aveva ben colto il suo talento di scrittrice Truman Capote, quando la spingeva a scrivere racconti già da ragazzina.

      L’essere figlia di un avvocato la indusse inizialmente a studiare legge, ma poi decise di darsi alla scrittura dando vita ad un romanzo ambientato in Alabama nel 1932 con protagonista Atticus Finch, un avvocato alle prese con la difesa di un giovane nero accusato di aver stuprato una ragazza bianca. I temi dell’intolleranza razziale e degli incubi dell’infanzia al centro del libro, li ritroviamo magistralmente trattati dall’omonimo film del ‘62. Nei panni dell’avvocato Finch un Gregory Peck efficace e sorprendente nella resa psicologica del protagonista, tanto da meritare uno dei tre Oscar assegnati al film di Robert Mulligam.  


      Elisabetta De Toma 

      Commenti

      Riduci