Contenuti della pagina

Le inondazioni vanno avanti da fine settembre

Alluvione in Thailandia: 500 morti

Secondo l'ultimo bilancio delle vittime degli allagamenti, fornito dal governo, il numero dei morti è salito a 506. Mentre il flusso di acqua inquinata continua a invadere la capitale di Bangkok, ora è minacciato anche il terminale dei bus Mo Chit, crocevia per i viaggi verso il nord del Paese. Sinora le autorità hanno ordinato l'evacuazione di otto dei 50 distretti di Bangkok. L'acqua ha invece iniziato a ritirarsi in alcune province a nord della capitale

BANGKOK -

È salito a oltre 500 morti il bilancio delle vittime delle inondazioni in Thailandia, ''definite le peggiori degli ultimi 50 anni''. Lo ha comunicato oggi il governo di Yingluck Shinawatra, mentre il fronte dell'acqua preme ormai nell'immediata periferia nord di Bangkok e minaccia direttamente il centro della capitale da 12 milioni di abitanti.

Secondo le cifre ufficiali, da fine luglio i morti sono ormai 506 - molti dei quali annegati o fulminati dalla corrente elettrica - in 25 province, in un disastro che ha coinvolto 3,1 milioni di persone.

Questa mattina l'acqua è ancora presente nei quartieri settentrionali di Lad Phrao e Chatuchak, a una decina di chilometri dal cuore finanziario e commerciale di Bangkok, ma non sembra essere avanzata ulteriormente rispetto a ieri. La periferia occidentale rimane colpita da ampi allagamenti, così come i sobborghi settentrionali, mentre l'acqua ha iniziato a defluire dalle province centrali sommerse da fine settembre.



Ultima Modifica: 07 novembre 2011, 09:08